La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 6 maggio 2011

Previsioni demografiche utili... in economia.

PROIEZIONI della popolazione mondiale.

In Africa, le popolazioni sembrano destinate ad aumentare entro il 2100.

Il 3 maggio, alle Nazioni Unite è uscito un'aggiornamento biennale sulla popolazione mondiale, che comprende alcune proiezioni. I numeri mostrano piccole modifiche dal 2008 ad oggi. La popolazione mondiale potrebbe raggiungere i 7 miliardi già nell'ottobre 2011 e non nella primavera del 2012. Ma i cambiamenti più drammatici sono nazionali, non globali. La popolazione americana, ora 310milioni, è destinata ad aumentare a 400 nel 2050 e 478milioni nel 2100.
La Cina dovrebbe scendere a 400 milioni da qui al 2100, mentre la popolazione della Russia di oggi è
142milioni, in Afghanistan gli abitanti sono poco più di un quinto di quelli russi, il Niger appena un decimo di quest'ultimi.

Ma entro il 2100, in Afghanistan è previsto che la popolazione sarà la stessa  della Russia (111m) ed in Niger saranno addirittura di più.

Tali previsioni devono essere prese con le molle; piccoli spostamenti del tasso di natalità di oggi estrapolati dai 90 anni precedenti, produce statisticamente enormi cambiamenti. Ma il quadro generale comunque è probabilmente giusto. L'attuale popolazione sub-sahariana oggi è a 856milioni, poco più che in Europa e un quinto dell'Asia. Entro il 2050 potrebbe essere quasi tre volte che in Europa e nel 2100 potrebbe anche essere tre quarti delle dimensioni dell'attuale Asia. Ad ogni modo, l'Africa è di gran lunga il continente con più rapida crescita. fonte
fonte The Economist