La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

domenica 8 maggio 2011

INVESTIMENTI...quali operazioni compiere quando il prezzo di un titolo scende.

(Seconda parte)

Gli annunci e la concorrenza.
Le aziende non operano in un vuoto, e quello che succede in una società può avere un impatto forte per coloro che la circondano, in particolare per le aziende concorrenti.
Quando una società emette un avvertimento in merito alle sue operazioni, la prima cosa che un investitore dovrebbe fare è distinguere se il problema è unico per la società o è un problema a livello di settore. Brutte notizie possono puntare ad una debolezza del mercato globale oppure l'industria non fa ben sperare per le altre società che sono in quello stesso settore.
Se l'industria nel suo complesso sta facendo bene, probabilmente non c'è motivo di essere preoccupati. Tuttavia, se un concorrente aumenta la quota di mercato a scapito di altre aziende del settore, questo è un motivo di preoccupazione.

Problemi specifici di una società
Che cosa devo fare quando un "disastro" colpisce una società.
Attraverso il corso di normali operazioni commerciali, le aziende possono essere colpite da
eventi straordinari come le calamità naturali, dei richiami di prodotti, ecc..
La risposta comune degli investitori su tali eventi è quello di vendere senza uno sguardo razionale a quello che è realmente accaduto. Il ribasso del prezzo di questi titoli di solito dura per un tempo relativamente corto. E 'utile anche considerare il "disastro" in un contesto più ampio. eventi a volte come un richiamo del prodotto sono indicative di problemi di fondo all'interno della società che potrebbe crescere a problemi ancora più grandi lungo la strada. In questi casi, la migliore linea d'azione potrebbe essere quella di vendere. Altre volte, invece, tali eventi hanno una vita breve, l'impatto è temporaneo e forse è un'occasione per aggiungere degli stock. Che fanno la differenza, sono le dimensioni della società e la natura delle sue attività, a svolgere un ruolo nel modo in cui essa può facilmente recuperare da tali eventi. Le società più grandi offrono garanzie migliori per il pronto recupero, mentre per alcune aziende i cui prodotti NON sono facilmente sostituibili ha anche loro più possibilità nel gestire la situazione.

Dovrei vendere solo perché una società mostra un reddito inferiore al consenso?
Ogni trimestre gli investitori attendono con ansia annunci di utili societari. Quando le aziende non riescono a soddisfare le aspettative, la reazione degli investitori è dettata in larga misura da quanto è grande l'azienda.
Se il deficit è "piccolo", l'impatto non sarà probabilmente abbastanza significativo da giustificare una diminuzione di massa o di un sell-off di grandi dimensioni nel prezzo delle azioni. Tuttavia, se l'azienda è molto stimata dagli analisti ciò potrebbe in prospettiva segnalare problemi futuri. Non importa quanto sia piccola la differenza, si potrebbe desiderare di indagare le ragioni per cercare di capire eventuali problemi che potrebbero incombere sul titolo.
Maggiore è la flessione degli utili rispetto ai utili attesi e maggiore sarà la reazione negativa degli investitori, e il conseguente calo dei prezzi sarà più veloce. Questo è particolarmente vero per gli stock di moto che hanno avuto una serie di positive sorprese e guadagni. La storia ha dimostrato che una volta che questi stock mostreranno una sorpresa negativa in termine di utili, il declino sarà rapido e massiccio. In casi come questo, la cosa migliore è quello di vendere l'investimento il più velocemente possibile.
A volte una società può annunciare guadagni in eccesso rispetto alla stima del consenso e nello stesso tempo, avvertire che non è in grado di soddisfare le aspettative per il prossimo trimestre fiscale. Questo è noto come "orientamento verso il basso" e non è necessariamente così male come sembra. Nel corso degli anni, le società sono diventati molto abili nel gestire aspettative degli analisti e degli investitori. L'orientamento verso il basso è un modo per una società di fornire un preavviso in modo che gli analisti di mercato non sono presi di sorpresa se esiste una flessione degli utili. Quando una società fornisce una guida verso il basso, gli analisti tendono ad abbassare le loro stime sugli utili e, in tal modo, facilitare una società nel promuovere o superare tali aspettative negative. Si dovrebbe, comunque, esaminare le cause del deficit atteso per vedere se esisto problemi più grandi presso l'azienda.

Dovrei essere preoccupato se avvengono cambiamenti nella gestione aziendale?
In tutte le aziende, ci saranno cambiamenti nel top management o perché le persone vanno in pensione o magari cambiano casacca. La maggior parte delle volte queste mosse sono amichevoli e non avranno un impatto duraturo sulla società.
Ci sono comunque rare occasioni, dove la partenza di uno o più membri del top management, sono in grado di segnalare dei problemi seri. Un esodo di massa del top management è un esempio. A volte, le notizie inizierà ad affiorare per profondi problemi all'interno della società, a volte affondano le loro radici in frode contabile da parte di coloro che hanno recentemente abbandonato l'azienda. Un'altra area di potenziale preoccupazione è quando un membro chiave si defila all'improvviso dall'amministrazione aziendale.

Una società ha appena cambiato revisori dei conti...mi devo preoccupare?
Quando una società cambia il revisore dei conti, non è sempre un avvenimento innocuo, soprattutto se l'azienda ha già cambiato revisori in passato. Molte volte, queste aziende stanno cercando di utilizzare pratiche contabili discutibili che il revisore non accetta. Alla fine, queste aziende figurano scoperte e le loro quotazioni azionarie soffriranno di conseguenza.

Se una società annuncia un'acquisizione cosa devo fare?
Quando una società annuncia che ne sta comprando un'altra, la reazione tipica del mercato è quella di far scendere il prezzo del compratore e di far alzare il prezzo della società incorporata. Il ragionamento è di solito che l'acquirente si pensa di pagare troppo oppure che l'acquisizione non sia in possesso di valide promesse. A seconda delle aziende coinvolte, ci possono essere questioni di natura normativa, che le culture aziendali sono o no compatibili, e se ci sarà una diluizione degli utili. È possibile tentar di saperne di più sulla concentrazione e cercare di discernere da soli se tale operazione andrà a beneficio o no degli investitori. Tuttavia, le informazioni tendono ad essere sparse e possono essere inferiori all'obiettivo previsto. La principale fonte di informazioni è spesso la gestione dell'impresa acquirente, considerando che essa di sicuro elogerà l'acquisizione.
Gli analisti possono anche far conoscere il loro parere, ma è necessario scontare queste informazioni se l'analista lavora per una società di brokeraggio che ha legami di investment banking per l'affare.

Devo vendere uno stock che stava facendo bene ma è in calo nelle ultime settimane?
Quando si osserva un calo nel prezzo delle azioni, soprattutto dopo una lunga rincorsa, si dovrebbe esaminare il calo rispetto al settore, così come il volume degli scambi che accompagna il declino. Se lo stock diminuisce in modo significativo rispetto al settore o se vi è un volume al di sopra della media con il prezzo che scende, si può prendere in considerazione la posizione di vendita. Tuttavia, se lo stock è giù con un volume medio, si consiglia di acquistare ulteriori azioni. La chiave, ancora una volta, è se i fondamentali della società sono cambiati.

Cosa devo fare se il prezzo è in calo per un lungo periodo senza alcuna ragione apparente?
La maggior parte degli investitori professionali vedono il lento e costante declino nel prezzo di un titolo, come un'opportunità di acquisto eccellente. Il loro ragionamento è che se ci fossero problemi reali con l'azienda, la corsa degli investitori nel vendere, potrebbe portare bruscamente in un breve lasso di tempo il prezzo verso il basso. Invece, essi teorizzano che i cali di prezzo sono provocati da manager che vendendo la loro partecipazione in una società per raccogliere fondi, a sua volta questo, fa sì che altri investitori ne seguano l'esempio.

In conclusione...
Il più grande problema è che gli stock in possesso agli investitori potrebbe portarli ad essere troppo coinvolti emotivamente e perdere obiettività per decidere se è il momento di vendere o no. Mantenendo una certa oggettività durante questi momenti è importante per il nostro successo negli investimenti. Purtroppo, non ci sono regole semplici o meccaniche che siano efficaci nel momento di vendere un titolo. Nulla sostituisce una ragionevole comprensione economica dell'azienda nei suoi fondamentali, che sicuramente aiuteranno a guidare il prezzo del titolo. fonte