La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

giovedì 5 maggio 2011

Allarme sui mercati americani: Sell off a partire da luglio ???

Da luglio un sell off sui mercati finanziari americani sarà inevitabile. Lo dichiara Doug Cliggott, analista della filiale americana del Credit Suisse, il quale ritiene che al momento in cui volgeranno al termine le misure straordinarie di allentamento monetario messe a punto dalla Federal Reserve, dal mercato uscirà gran parte delle enormi quantità di denaro iniettate dalla stessa Fed.

Il termine sell off indica la vendita di titoli o di altri beni di investimento durante un periodo di ribasso delle quotazioni, per evitare perdite ancora maggiori. E’ una situazione in cui si vende tutto indiscriminatamente, prodotti buoni e cattivi e in particolar

modo si va a penalizzare tutto quello che era maggiormente salito negli ultimi mesi.

A novembre del 2010 le autorità di politica monetaria statunitensi avevano acquistato 600 miliardi di dollari in titoli di Stato a lunga scadenza. Secondo Doug Cliggott “gli acquisti operati dalla Federal Reserve rappresentano una cospicua parte del denaro che circola nel mercato. Per questo quando non si fanno più operazioni simili succede quello che noi prevediamo”. source
A pensarci bene anche un altro personaggio noto della finanza poco tempo fa disse qualcosa del genere....
Il 24 marzo Warren Buffet, il terzo uomo più ricco del pianeta (patrimonio di 50 miliardi di dollari) e soprattutto guru nel mondo dell’economia, nel corso di un’intervista ha sostenuto che la disintegrazione dell’euro non è un’ipotesi impensabile.
In precedenza l’agenzia di rating Moody’s (di cui Buffet è azionista di peso) aveva tagliato in un primo tempo il rating dell’Irlanda, quindi quelli della Grecia (il 7 marzo), della Spagna (il 10 marzo) e del Portogallo (il 16 marzo).
Successivamente Moody’s aveva avvertito che nemmeno il rating del Regno Unito sarebbe completamente esente da rischi, prima di andare addirittura a declassare il comune di Firenze e nello stesso giorno ad annunciare il downgrading del giudizio su 30 banche spagnole.
Moody’s è una società indipendente americana con sede a New York e gestisce circa il 40% del business del rating, ovvero della valutazione della forza e dell’affidabilità economica di imprese e amministrazioni pubbliche dei paesi di tutto il mondo. Le contendono il mercato la Standard & Poor’s (circa 40%) e la Fitch Ratings (circa 15%), pure esse americane. Queste tre società private esercitano una tale influenza a livello politico-economico globale da assumere un’importanza strategica di primo piano per il governo degli Stati Uniti.


L’osservazione d’insieme dei downgrading eseguiti da Moody’s può lasciare perplessi se si traccia un paragone con altre situazioni dove questa Signora del Rating non interviene malgrado sarebbe opportuno, come ad esempio negli stessi Stati Uniti, ritenuti da qualche analista un paese “che consuma esageratamente a scapito dell’indebitamento che esplode”.
Invece, gli USA continuano a capeggiare da tempi quasi immemorabili la classifica rating nonostante gli sviluppi catastrofici della loro economia dovuti alla politica monetaria, economica e energetica speculativa.
Attraverso il peggioramento dei rating di singoli Stati e banche europei e forte del suo ruolo, Moody’s conduce una vera e propria campagna che penalizza l’euro e recentemente è andata vicino ad affossarlo, approfittando della crisi che pervade in particolare i PIIGS. Se non che, contro ogni previsione, finora la moneta unica europea ha resistito bene a questi attacchi, mentre a cedere sensibilmente è stato proprio il dollaro americano.
Il 25 marzo accade quello che nessuno si sarebbe mai atteso: Warren Buffet consiglia agli investitori di stare alla larga dagli investimenti in dollari (bonds) a lungo termine. Stessa linea nelle dichiarazioni della società americana Phoenix Capital Research, la quale prevede un collasso del dollaro tra giugno e luglio 2011 a causa della “spirale mortale inflazionistica” in atto negli Stati Uniti, un fattore che secondo queste previsioni potrebbe spingere la moneta USA in un’iperinflazione e trascinarla ad un minimo record entro il secondo semestre del 2011.

Nessuna menzione a cosa sia dovuta questa improvvisa ed epocale virata, intervenuta nel giro di appena 24 ore. Non è dato a sapere cosa sia accaduto per far sì che dopo aver tanto cospirato contro l’euro e averne predetto con tanta forza la fine, Buffett improvvisamente mette in guardia dal collasso del dollaro. source
Ora capisco che gli allarmismi sono sicuramente opinabili, ma se queste dichiarazioni vengono fatte da due personaggi del calibro di Buffett e da un analista di Credit Suisse, come minimo son da tenere in considerazione, anche se Cliggott è (diciamo così) un normale strategist analist del colosso svizzero.  Si.... è un ritornello che si sente dire da un pò di tempo, e che sembra quasi una cosa scontata. Anche un certo Roubini in tempi non sospetti veniva deriso per le sue previsioni! E poi invece...