La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 2 marzo 2011

UNICREDIT e il fallimento libico.

L'esperimento "libico" e' fallito. "Ve l'avevo detto io. In questo momento e' ancora piu' evidente come sia un'interesse nazionale primario avere la governance degli asset da cui dipendono sviluppo e crescita".
Parla cosi' in un'intervista al Giornale il sindaco di Verona, Flavio Tosi in merito alla crisi libica e alla partecipazione nelle banche italiane e in particolare in Unicredit.
Se uscissero i libici da Unicredit chi avrebbe la liquidita' per entrare? "Ci sono istituti territoriali come le Fondazioni - dice - che potrebbero giocare un ruolo importante se gli fosse concesso di farlo senza il limite del 5% attuale". (source ADVFN e MF Down Jones Italian ).
Nel mio post: Borsa Italiana e polveriera libica di qualche
giorno fa dissi: "Unicredit (il più grande Gruppo bancario italiano) ha nel suo capitale un importante pacchetto libico che arriva al 4,988% attraverso la Banca Centrale Libica ed un altro 2,6% attraverso la Libyan Investment Authority. Se non erro con un 7,588% del capitale, la Libia è il più grande azionista della banca italiana...... more).
Ora il problema si pone con tutto il suo peso, sia economico, che strutturale e giustamente qualcuno come le Fondazioni ricriminano l'impossibilità di concorrere ad una eventuale risoluzione del caso LIBIA-GHEDDAFI. Intanto in giro per il mondo si stringe sempre più la morsa sul regime libico dopo le sanzioni approvate dall'Onu e dall'Ue. Pearson, la casa editrice del Financial Times, ha congelato la quota azionaria della Libyan Investment Authority, il fondo sovrano di Tripoli che possiede il 3,27% delle azioni ordinarie. L'Austria ha deciso di congelare i beni di Gheddafi e anche la Germania ha congelato i beni di uno dei suoi figli. (Rai News 24 ). Purtroppo la situazione libica, nel nostro paese si sta focalizzando sempre di più, condizionando sia la nostra economia che la nostra politica. Una bella grana a due passi dall'Italia.