La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 2 febbraio 2011

Pareri AUTOREVOLI.... di economia.

Mentre l'economia mondiale emerge dalla recessione e grandi interrogativi e nuove sfide appaiono all'orizzonte, la professione del mondo economico è impegnata in una sorta di auto-riflessione . Gli economisti si chiedono come e che cosa hanno imparato dai loro ultimi lavori e dove la loro professione deve focalizzarsi da qui in avanti per futuro dell'economia. Con questa riflessione è venuta a galla qualche nuova valutazione di questa professione e gli economisti che hanno offerto il miglior orientamento negli anni 2000 potrebbero non essere quelli che condurranno il sentiment economico di questo decennio. E' opinione comune che l'idea di umiltà applicata all'economia è soltanto un approccio generalista, mentre continua a persistere l'influenza  dei padri fondatori di questa professione. Inoltre si ha la sensazione che l'economia post-crisi è un luogo aperto a qualsiasi diatriba e opinione di pensiero.

Ecco di seguito alcune opinioni di economisti a cui sono state poste tre domande precise:
Quali sono stati gli economisti più influenti negli ultimi dieci anni? Come la crisi ha modificato la posizione relativa dei leader all'interno della professione, e quali sono gli economisti che hanno le idee più importanti del mondo post-crisi”?
 Le risposte in sintesi sono state:


-SCOTT SUMMER (ha insegnato economia presso l'Università di Bentley per 28 anni. Ha conseguito un BA in economia presso Wisconsin e un dottorato a Chicago. La sua ricerca è stata nel campo della economia monetaria, in particolare il ruolo del gold standard nella Grande Depressione)
 ***considero molto influenti (Keynes nel 1930, Samuelson nel 1960, Friedman nel 1970) ma per il prossimo decennio è un gran casino . Comunque nei circoli politici si potrebbero fare i nomi di Ben Bernanke per le politiche della Fed nel 2008, che provengono dalla sua ricerca sulla Grande Depressione. Credo poi che gli americani sopravvalutino Alan Greenspan che aveva sviluppato un modello simile di controllo di un'inflazione bassa e stabile. Per quanto riguarda gli economisti morti, Keynes ha certamente influenzato la politica, anche se un po 'meno di quanto mi sarei aspettato***.

-HAL R. VARIAN (capo economista di Google. Ha pubblicato numerosi articoli in teoria economica, econometria, organizzazione industriale, finanza pubblica, ed economia delle tecnologie dell'informazione, ha scritto una colonna mensile per il New York Times per 7 anni.)

***I più influenti sono stati Alan Greenspan e Ben Bernanke. Greenspan è statoi in grado di evitare, o almeno attenuare, la crisi finanziaria, affrontando l'esplosione dei mutui subprime. Il fatto che egli non abbia affrontato temi come la mancanza di trasparenza del sistema bancario, ha avuto una grande influenza sul corso degli eventi successivi. Per lo stesso motivo, il fatto che Ben Bernanke ha risposto rapidamente ed efficacemente alla crisi finanziaria ci ha aiutato ad evitare un collasso potenzialmente catastrofico***.

-VIRAL ACHARYA (professore di Finanza alla Stern New York University School of Business. Ricercatore Associato del National Bureau of Economic Research (NBER), in Finanza Aziendale, affiliato di ricerca del Centro per la ricerca di politica economica (CEPR). I suoi interessi di ricerca riguardano la regolamentazione delle banche e degli istituti finanziari, finanza aziendale, del rischio di credito e la valutazione del debito aziendale, e sui prezzi delle attività, con particolare attenzione sugli effetti del rischio di liquidità).

***Smith Hayek economista del passato, e Doug Diamond per questa generazione.
A livello fondamentale, questa crisi ha dimostrato che le banche con la loro interazione con i mercati s'è dimostrata piuttosto importante. Per me, a un livello fondamentale, il lavoro di Douglas-Diamond dal suo lavoro sulla fornitura di micro-fondazioni delle banche e delle crisi bancarie (con Phil Dybvig) nella prima metà degli anni 80, ha dimostrato in questo campo, di essere uno dei contributi più importanti . Doug non è sempre sotto i riflettori, ma ora, sembra più probabile che mai che i suoi contributi fondamentali saranno riconosciuti e premiati nel senso più ampio della professione economica che Lui svolge.

-MICHAEL HEISE (consigliere del board di Allianz SE sulle questioni economiche e strategiche. 
 Laureato all'Università di Colonia, ha tenuto conferenze a livello europeo Business School a Oestrich-Winkel e alla Johann Wolfgang Goethe University di Francoforte sul Meno. È professore onorario presso l'Università Johann Wolfgang Goethe. Prima di entrare in Allianz Group, Heise è stato Segretario Generale del Consiglio tedesco di esperti economici, Chief Economist della Banca DG e capo economista e responsabile della ricerca a DZ Bank.)

***A mio avviso gli economisti più influenti negli ultimi dieci anni sono stati John Maynard Keynes, Ben Bernanke e Alan Greenspan. In termini di impatto della crisi sulla scena economica, noto anche alcune tendenze, con  previsioni infallibili come Roubini e Shiller che hanno guadagnato un' influenza in maniera massiccia, anche se questo non è necessariamente riconducibile a concetti di politica superiore, mentre gli economisti nel mercato dei capitali, hanno perso di significato (ad esempio Feldstein) e critici come Krugman che hanno avuto la tendenza  d'averne dato un forte impulso***.

-MICHELE BORDO ( Professore di Economia presso la Rutgers University Stati Uniti)
***Citerò due nomi per gli economisti più influenti dal vivo nel corso dell'ultimo decennio: Ben Bernanke e John Taylor. La mia risposta alla domanda se la crisi ha cambiato la posizione dei principali economisti è no. La posizione del leader della professione non è cambiata molto. Gli stessi nomi appaiono soventi alla American Economic Association incontri a Denver in sessioni di primo piano come negli ultimi anni. Il cambiamento avviene lentamente. Le due persone che mi pare abbiano le idee più importanti del mondo post-crisi sono: Ragu Rajan e John Taylor.

Il professore con origini italiane continua affermando che, l'Europa ha bisogno di muoversi il più rapidamente possibile nella direzione per poter creare un'unione fiscale esiste come negli Stati Uniti, Canada e Australia. Ciò significa avere eurobbligazioni che sono supportati da tutti i membri dell'Unione monetaria (come il Tesoro USA), i trasferimenti fiscali e rigide norme fiscali sui membri (strutturale bilanci in pareggio), con l'aggiunta riforme strutturali. Se ciò non avviene allora la crisi europea si trascinerà nel tempo. Anche se la ripresa globale contribuisce ad accrescere le entrate fiscali, alcuni dei paesi periferici, soprattutto in Grecia (ma anche l'Irlanda e Portogallo) continueranno a replicare il 1930, se continuano ad andare via deflazione, come Keynes tempo fa ha messo in guardia.
Senza queste riforme, questi paesi periferici sarebbe meglio lasciare l'euro e le svalutazioni, le loro valute, come si usava fare. La ristrutturazione del debito (gestiti default) è un'alternativa a lasciare l'euro e svalutazioni. ma questa strada non è senza costi molto significativi. Inoltre non è certo che di default del debito senza muoversi verso un'unione fiscale finiranno i problemi dei membri più deboli della zona euro***. (The Economist).

Ci sono anche altri pareri di non meno illustri economisti di calibro mondiale come: ESWAR PRASAD, LAURENCE KOTLIKOFF, XAVIER GABAIX,MICHAEL PETTIS, PAUL SEABRIGHT, GUILLERMO CALVO, TAKATOSHI ITO, RICHARD BALDWIN e SUMAN BERY, che se pur discordanti, ammettono l'evidenza di errori commessi in passato, divenuti poi micce d'innesco per la situazione attuale.