La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 26 gennaio 2011

In arrivo NUOVI stress-test per le Banche europee.

Le banche europee si preparano ad un nuovo round di stress test, assai attesi dopo quelli controversi del luglio scorso, i cui risultati avevano convinto ben poco. Inizieranno a marzo e i primi risultati saranno disponibili a giugno. Al momento le discussioni sui diversi aspetti del test sono ancora in corso. Ne discutono i ministri delle Finanze dei paesi membri dell’Unione europea e l’Autorità di supervisione comunitaria, che dibattono soprattutto sul peso del debito sovrano
nell’attività delle banche e sulla valutazione della liquidità. Al momento le discussioni sui diversi aspetti del test sono ancora in corso. Ne discutono i ministri delle Finanze dei paesi membri dell’Unione europea e l’Autorità di supervisione comunitaria, che dibattono soprattutto sul peso del debito sovrano nell’attività delle banche e sulla valutazione della liquidità.
Gli STRESS-TEST stavolta valuteranno anche la liquidità delle banche, e il commissario europeo ai Servizi finanziari Michel Barnier ha spiegato ieri che la questione legata alla liquidità delle banche, sarà valutata parallelamente agli stress test che saranno effettuati tra febbraio e marzo di quest'anno. Ha confermato inoltre che la nuova serie di stress test sarà migliorata rispetto a quella dello scorso mese di luglio, ma sopratutto verrà mantenuto a 91 il numero delle banche esaminate, e verrà valutata anche la tenuta di fronte al debito sovrano dei paesi della Zona euro, e verrà esaminata la questione legata alle riserve di capitale, che è necessario trattare con la dovuta attenzione. Quanto alle critiche mosse da più parti nei confronti dei test effettuati nel 2010, Barnier ha riconosciuto che sono stati commessi degli errori, soprattutto in riferimento al mancato e adeguato monitoraggio degli istituti di credito irlandesi, che negli ultimi mesi sono finiti sull’orlo del fallimento, obbligando il governo di Dublino ad impegnarsi in salvataggi d’emergenza. (Ticino live ).
Staremo a vedere se questa volta la questione sarà trattata in maniera più decente, o se ci faranno credere che gli stress-test dello scorso anno non sono stati una farsa.