La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 18 gennaio 2011

FORTI "ronzii "sull'euro.

In Europa la teoria delle due valute è sempre più dibattuta. Lo scenario di una rottura della zona euro è già da tempo apertamente discussa nelle conferenze internazionali di economia. La moneta unica "potrebbe" essere scissa per dare vita a due nuove valute: un euro "forte" per i paesi del centro Europa e un euro più "debole" per venire incontro alle esigenze dei paesi periferici. La possibilità di una scissione, più "reale", è stata
confermata ieri da Tito Boeri (economista presso l'Università di Milano) al convegno "Rischio Paese 2011" organizzata da "Coface" (gruppo internazionale esperto nella gestione dei crediti commerciali) a Parigi. Il professore italiano ha sottolineato la differenza tra costo del lavoro nell'unione europea ed una misura più equa per economie competitive, in quanto questa influenza non poco il prezzo di beni e servizi. Delle regole condivise insomma, necessarie per trovare un modo da eliminare squilibri tra i paesi della Zona Euro. In questo senso, un nuovo regime monetario "potrebbe essere una possibilità reale." (Negocios online).

Io le ritengo delle diatribe in continuo fermento, causate sopratutto da un'impellente bisogno di una qualche regolamentazione politica, sul tema della "moneta unica".