La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 16 novembre 2010

RITORNA la PAURA..!!!... (Borse in Bear-Climax)

L'allarme sui debiti sovrani fa tremare l'Eurozona. Di fronte al precipitare della situazione di Irlanda e Portogallo, la Commissione europea cerca di sdrammatizzare sulla sempre più probabile richiesta di aiuto da parte di Dublino e Lisbona. Di ufficiale non c'è ancora nessuna richiesta di assistenza finanziaria da parte dei governi in questione, ma dopo Atene, oramai sembra (per molti osservatori) scontato che addirittura la decisione venga presa questa sera stessa, nel corso del vertice dell'Eurogruppo in programma a Bruxelles. Tutta l'attenzione è dunque puntata su quello che oggi diranno all'Eurogruppo il ministro delle Finanze irlandese, Brian Lenihan (che ancora ieri ha smentito la richiesta di aiuto) e il collega portoghese, Fernando Teixeira Dos Santos (che invece ha ammesso la possibilità di un ricorso di Lisbona all'Assistenza finanziaria d'emergenza). L'attenzione però si sposta al di là dei due paesi sotto osservazione, facendo così salire la febbre per paura che la situazione si possa diffondere in tutta l'eurozona. Sullo sfondo c'é anche l'Italia, che tra l'altro sta vivendo una difficile situazione politica. Non può passare inosservato un debito pubblico che viaggia verso il 119%, con la situazione degli spread che potrebbe far gola agli speculatori. Dunque a Bruxelles oggi ci sarà una discussione molto serrata sia sulla nostra valuta, sia sui partners europei in crisi e quindi anche sull'Italia. Oltre alla riunione odierna dell'Eurogruppo, domani si terrà  la programmata riunione dell'ECOFIN (Economic and Financial Affairs Council) dove capiremo se tutte queste voci in circolazione avranno un fondamento oppure siano anche terrorismo psicologico messo in piedi dai speculatori.